Ho attraversato i siti archeologici aspettando il “miracolo”, quel momento magico nel quale ti senti prigioniero del tempo, ostaggio dell’eternità; è l’ora in cui il sole tramonta e sembra che l’aria diventi cristallo e il silenzio comincia a parlare.
Allora iniziano i dialoghi con le pietre e i pensieri si affollano nella mente per donare quell’incanto agli spettatori, prima che possa distruggersi irrimediabilmente.

Nin Scolari


Banner Home